Ridere. Quando l’attore si leva la maschera.

Ridere. Quando la risata diventa una valanga. Quando il gioco prende il sopravvento sulla paura. Quando l’attore si leva la maschera. Quando la mancanza di senso accende l’interruttore della luce. Quando l’infinito prende il sopravvento sulla morte.

Nel momento in cui raggiunse l’ illuminazione, il Buddha si mise a ridere.
Un eremita che passava da quelle parti gli domandò : ” Perché ridi ? ”
” Perché ” rispose il Buddha ” ho scoperto che ciò che cercavo l’ ho sempre avuto con me!”
Gautama, il Buddha

 

LA STORIA DI HOTEI

In Giappone si tramanda la storia di Hotei, il Buddha che ride. Il suo insegnamento si riassumeva tutto nella risata. Si spostava da un posto all’altro, da una piazza del mercato all’altra. Si metteva nel mezzo del mercato e iniziava a ridere: era il suo sermone.

La sua risata era contagiosa, coinvolgente; era una vera risata. Lo stomaco gli pulsava, ballava al suono di quella risata. Si rotolava per terra, ridendo. La gente si raccoglieva, e poi si metteva a ridere, e la risata si diffondeva, diventava un’onda che travolgeva l’intero villaggio: tutti ridevano.

La gente aspettava sempre che Hotei passasse dal loro villaggio perché portava felicità e benedizioni incomparabili. Non pronunciò mai una sola parola. Lo interrogavi su Buddha e lui rideva; gli chiedevi dell’illuminazione e lui scoppiava a ridere, gli chiedevi qualcosa sulla verità e lui rideva.

Il suo unico messaggio era la risata.

 

GIÙ LA MASCHERA!

Al pari della meditazione, la risata è in grado di connetterti al tuo Maestro Interiore, al Buddha che Tu Sei, accompagnandoti in uno straordinario cammino di risveglio.

La Risata di cui ti parlo non scaturisce dalla comicità, dalla satira o da qualche forma di derisione. Come ci insegna Hotei, il Buddha che Ride, è una risata senza motivo, pura e semplice espressione dell’ IO.

 

Quando ridi, non c’è spazio per la finzione. Ti spogli di ogni ruolo, lasci cadere la maschera e ti riveli per ciò che Sei.

 

 

Attraverso la Risata Incondizionata affiorano talenti e potenzialità che ancora non hai espresso .

La Risata incondizionata rivela la tua Unicità, la tua Autenticità.

 

LA VIA PER RICONNETTERSI ALL’IO

ridere per riconnettersi all'IOQuando ti lasci attraversare dalla Risata Incondizionata accade qualcosa di straordinario,  nel senso stretto del termine, ovvero fuori dall’ordinario, dal comune, fuori dal normale.

Per molte persone oggi la normalità è associata ad una vita frenetica, dove non c’è mai tempo abbastanza per fare tutto, e in questa frenetica routine molti si comportano come automi, robot che compiono un’azione dietro l’altra, spesso più azioni contemporaneamente perdendo così il contatto con ciò che di più prezioso, a par mio, c’è al mondo: se stessi.

Fin da bambini veniamo indottrinati ed inscatolati, imparando così a chiudere tutti i canali di comunicazione con noi stessi, con l’autenticità che siamo, con l’IO.

Ridere ristabilisce il contatto con la spontaneità, la semplicità, l’autenticità e lo stupore dell’infanzia.

Ridere è una delle vie per riconnetterti all’IO, accedendo a quella Verità che è solo tua, unica e preziosa. Questo basta. Abbi il coraggio di levare la maschera, di spogliarti dei ruoli, di conoscerti, di esprimerti in tutte le inimmaginabili potenzialità che dormono in Te.

È tempo di destarsi dal sonno. Di uscire dall’ordinario. Di scoprire la Verità, la tua.

4 Risposte a “Ridere. Quando l’attore si leva la maschera.”

  1. brava Luisa….vorrei imparare a ridere di più.. a presto!
    Franca tony

    1. Grazie Franca! Ogni momento è buono per aprirci all’ energia trasformativa della risata, se poi impariamo a praticarla consapevolmente come un semplice esercizio fisico, allora i risultati sono garantiti! Ad ogni livello 🙂

  2. Bella la storia del Budda che ride ,l’avevo già letta ma fa sempre bene ricordarla e , soprattutto, metterla in pratica.Bellissimo anche il tuo curriculum.
    Grazie per il tuo entusiasmo e la tua generosità e sono felice di poterlo comunicare senza dover iscrivermi a qualcosa o chiedere l’amicizia di qualcuno perchè lo vivrei come un attacco alla mia libertà.Non sono ancora un’illuminata!!! Ha ha ha ha ha ha
    Spero di rivederti presto.Un abbraccio.Laura

    1. Cara Laura, leggo con gioia il tuo feedback e sono grata del tuo apprezzamento <3 ti aspetto per ridere di nuovo insieme, quando vuoi 🙂 Gioioso cammino!

Rispondi