IL SEGRETO DELLA FELICITÀ È SAPER RALLENTARE

È interessante notare come siamo in una costante e crescente ricerca della Felicità, di un modo per stare bene e/o per sopravvivere un altro giorno ancora alla frenesia e alle aspettative indotte da questa società malata.

C’è chi si lascia abbindolare dai bisogni creati e indotti dal marketing, chi si limita a “stare nel suo piccolo orticello” per quanto infestato di insetti ed erbacce che tolgono il respiro, chi si lancia in una corsa frenetica tra un corso di crescita e l’altro dopandosi di adrenalina e motivazione che, inevitabilmente è destinata a scemare una volta rientrati nel tran tran quotidiano, chi si strafoga di lavoro per permettersi quelle due settimane di vacanza all’anno sognando finalmente di tirare un po’ il fiato e mollare i macigni di stress accumulati … sono solo alcuni esempi per dimostrare che il punto è sempre quello: si proietta la felicità fuori e si delega a tutto e a tutti la responsabilità della propria felicità.

Sembra folle anche a te?

Dove sei TU in tutto questo?

Te lo sei mai chiesto?

Sono certa che almeno una volta nella vita lo hai sentito dire oppure lo hai “preso per buono” e fatto tuo ad un certo livello (spesso solo a parole):

 

la felicità va cercata dentro, non fuori di noi.

 

Interessante punto di vista. Cosa significa davvero?
E ancor prima di questo, cosa significa per te “essere felici”?

Cosa stai facendo nel concreto, nel quotidiano per attingere alla felicità che è dentro di te?

Perché sai che è dentro di Te, vero?

Che solo tu sei l’artefice della tua felicità, qualunque cosa significhi per te?

Come sarebbe avere consapevolezza di questo?

Una delle classiche domande trite e ritrite che certamente ti sei già fatto (se segui qualche tipo di percorso di crescita personale, è ormai “un must” …)
“Cosa ti rende veramente felice?” o ancora “ Cosa ti piace davvero fare?”

Non lo sai.

E più ci pensi, più ti fai imbrigliare dai mille pensieri della mente creando ancora più pesantezza e frustrazione nelle tue giornate.

Oppure ti illudi di saperlo e poi in realtà scopri che anche quello che pensavi ti avrebbe reso davvero felice, in realtà era solo una meteora. È stata una breve parentesi, bella, ma già finita. Sembri non venire mai a capo di ciò che davvero ti procura gioia.

Forse allora sarebbe meglio non pensarci affatto e continuare la vita come un robot.

Il fatto è che, una volta che hai “assaggiato” un certo tipo di energia, qualcosa che almeno per un paio di minuti, o una frazione di secondo, ha acceso dentro di te la VITA, è molto difficile scegliere di stare nell’inconsapevolezza e far finta di niente.

Cioè puoi farlo, tanti lo fanno, ma alla lunga diventa veramente pesante e ti prosciuga di energia.

Ti stanca, di deprime, ti riempie di tristezza e aspettative. Perché ancora una volta stai proiettando fuori e rimani aggrappato ad un ricordo felice e paragoni tutto ciò che vivi a quel meraviglioso ricordo del passato.

Come sarebbe se ci fosse invece la possibilità di creare qualcosa di diverso? Cosa ci vorrebbe?

Siccome tutte le fasi che ti ho descritte finora le ho vissute una ad una, capisco bene il tuo punto di vista. E’ anche vero che di esperienze ne ho fatte parecchie e sono stata coinvolta in prima persona nella forsennata sete di ricerca di uno o più strumenti che mi aiutassero a vivere meglio.
Per poi scoprire e sperimentare, che, come la solito, la soluzione più semplice è anche quella più efficace.

Cos’ altro è possibile?

Belle, efficaci e talvolta potentissime le tecniche che ho sperimentato. Ho avuto dei grandi benefici e degli ottimi risultati.

Ma alla fine, cosa ho realmente ottenuto?
Sicuramente pezzi di consapevolezza. E la felicità?

Ah si, per quella ho scoperto che c’è un unico segreto al momento …. RALLENTARE.

Cos’altro è possibile?

Smettere di cercare la felicità e iniziare ad essere presente a me stessa: a questo corpo, ai pensieri, alle emozioni.

Tempo fa ho avuto anche un piccolo incidente che mi ha permesso di essere ancora più presente

>>> ho scritto un articolo in proposito, se vuoi leggerlo, questo il link IL MONDO CORRE E IO RALLENTO

Smettere di cercare la felicità ed iniziare a SENTIRE ciò che è Vero per me.

 

Anche se il mondo intorno a te tenta di trascinarti nella sua follia, tu rallenta quel tanto che basta per connetterti ed essere presente a te stessa. Lì Ti troverai.

 

Cosa ci vorrebbe allora per rallentare? Cosa ci vorrebbe per scegliere di rallentare e ritrovare il tuo ritmo proprio adesso?

Visto che del relax ho fatto una delle mie priorità – ogni giorno dedico almeno 30 minuti a me stessa e alle mie pratiche di centratura e riequilibrio, oltre a svariati momenti solo per fare ciò che mi piace – ho scelto di mettere a disposizione ciò che negli hanno ho imparato e sperimentato per guidare le persone a riconnettersi con il proprio “spazio di silenzio”.

Nasce così ME TIME RELAX e RIEQUILIBRIO: sessioni individuali di rilassamento e riequilibrio energetico.

Il trattamento è un mezzo di supporto e di aiuto alla persona, al fine di sostenerla nell’ intento di

• ripristinare l’equilibrio psico-fisico
• agevolare il BenEssere in ogni area della vita
• promuoverne l’evoluzione personale

 

Il rilassamento è la base per ogni trasformazione verso il benessere

 

Creiamo e viviamo costantemente nella tensione, più o meno consapevolmente. La tensione è segnale di un blocco nell’ energia; dove c’è tensione, l’energia non fluisce e non cresce, ma implode su se stessa causando stress e problemi di vario tipo.

Accade tutte le volte che reprimiamo emozioni, che viviamo situazioni di crisi, siano esse economiche, lavorative, personali o relazionali.

La tensione si cela dietro la manifestazione di ogni disagio, disturbo o malattia nel corpo.
La malattia insorge quando non ci rendiamo conto di aver attinto alle riserve energetiche del nostro sistema psico-corporeo e andiamo avanti ad a oltranza con la pretesa assurda di dovercela fare a tutti i costi!

Allora interviene il corpo ad accendere la spia di riserva, che è il sintomo. In questo caso, il primo campanello d’allarme è la stanchezza, che ci segnala che è ora di fare uno stop, di rallentare.
Il trattamento ME TIME RELAX E RIEQUILIBRIO in questo caso è quel che ci vuole.

Quando nella nostra vita c’è conflitto o qualcosa non funziona con semplicità e fluidità, da qualche parte abbiamo creato tensioni che ostacolano il fluire dell’energia dentro di noi e il nostro fluire nella vita stessa.

 

E’ grazie al rilassamento che si diventa ricettivi all’ ascolto interiore.
In questo modo può aver inizio la trasformazione interiore verso il benessere.

 

Il rilascio: facciamo spazio

Il trattamento energetico favorisce il rilascio di stress, tensioni, memorie traumatiche, cattive abitudini, dipendenze, parassiti energetici, entità, emozioni cristallizzate, autolesionismo, programmi, credenze, punti di vista: tutto ciò che limita la libera espressione di Sè e il contatto profondo con se stessi.
Rilasciando il vecchio, si accede così a nuovi spazi interiori, dove l’energia fluisce liberamente e dai quali poter accedere a nuove consapevolezze.

Ascolto attivo: la voce interiore

Da questo spazio di quiete è molto più semplice entrare in contatto con la tua voce interiore, stabilire una comunicazione con la tua Anima.
Ed è qui che arriva la possibilità di evolvere verso nuove consapevolezze, accedendo a quel sapere proprio del tuo Essere infinito. Impari così ad ascoltarti, a prenderti cura di te stesso, ad essere sempre più presente a te e ad agire in modo più consapevole secondo ciò che è vero per te.

Come vedi è possibile e relativamente semplice, educare la mente a rallentare per allinearsi al proprio ritmo ed accedere così con più consapevolezza alla felicità che è dentro di te.
La domanda è, lo sceglierai?

Sceglierai di rallentare e dedicare uno spazio di silenzio solo a te, per te, con te stesso?

Per prenotare la tua sessione di ME TIME RELAX E RIEQUILIBRIO clicca qui.

Tanta Gioia al tuo Cuore,
Luisa

Rispondi