Conoscenza di Sè

COME LA RISATA STIMOLA LA GHIANDOLA PINEALE

 

La ghiandola pineale è molto più di quello che insegnano ai corsi di medicina. Oggi la scienza sta scoprendo che gli antichi mistici e filosofi avevano ragione nel reputarla la sede dello spirito. Tuttavia la piena funzionalità della Ghiandola Pineale risulta essere fondamentale per condurre una vita felice e prospera.

 

LA SEDE DELL’ANIMA

L’epifisi o pineale, ghiandola dai grandi poteri, non è un’invenzione dei nostri giorni. Molte culture hanno da sempre “studiato” la ghiandola in questione, ghiandola che si trova nel centro del cranio,  fra le due metà del cervello e non è doppia come le altre componenti della nostra attività cerebrale.

Il filosofo-matematico Cartesio riteneva che la ghiandola pineale fosse il punto di incontro tra res cogitans e res extensa, cioè quella parte in cui anima e corpo si congiungono.

Cartesio definì la Pineale  “sede dell’ anima” ancora nel XVII secolo e da allora gli studi proseguirono nella convinzione che fosse implicata negli equilibri della psiche.

E’ paradossale come fino ad alcuni decenni fa la scienza medica non sapesse pressoché nulla sulla funzione della ghiandola pineale. Questo malgrado fosse noto da migliaia di anni a tutte le tradizioni spirituali del mondo il ruolo fondamentale di questa ghiandola nella regolazione dell’espressione dello Spirito: lo stesso Cartesio considerò la pineale come il centro dell’espressione della vita animica.

Il nome stesso di epifisi (dal greco epi-fysin che significa “al di sopra della natura”) denota che gli antichi avevano già compreso sinteticamente il ruolo centrale della ghiandola pineale nella regolazione della vita spirituale auto-cosciente.

 

GHIANDOLA PINEALE E TERZO OCCHIO

ghiandola-pineale-horusLa ghiandola pineale viene anche chiamata terzo occhio  anche se non si trova ai lati del naso, ma nascosta nella nostra scatola cranica. Le società antiche, così come gli Egizi e Romani, ne conoscevano i benefici e l’hanno esemplificato nelle loro vaste simbologie contenenti il simbolo di un occhio.

Essa sarebbe in grado, attraverso un adeguato allenamento, di metterci in contatto con le energie che regolano il cosmo permettendoci di viaggiare in altre dimensioni, compiendo una proiezione astrale.

Questo è possibile perché la ghiandola pineale produce ciò che è comunemente conosciuto come DMT, sostanza in grado di portare l’individuo ad avere viaggi extra dimensionali e extratemporali.
Ciò accade di notte durante i sogni, quando la Ghiandola pineale è maggiormente attiva.

Viene chiamata il “terzo occhio” anche perché, secondo antiche credenze, una volta attivata diviene l’interfaccia con la nostra coscienza conferendo la “vista interiore”, cioè il dono di ripercorrere le precedenti esistenze e riepilogare il rapporto karmico che conduce alla reincarnazione, oltre alla capacità di identificarsi con il Principio vitale cosmico e di accedere ad una moltitudine di poteri psichici.

 

Ripulire la Ghiandola Pineale è molto utile per coloro che desiderano sviluppare le loro percezioni. Risvegliata porta alla capacità di poter esplorare dimensioni sottili.

 

Avere un terzo occhio aperto non vuol dire semplicemente coscienza e consapevolezza di Sé e del mondo in cui viviamo. Una pineale attiva, corrisponde anche ad uno stato di salute maggiore e ad una miglior sinergia con il proprio corpo e con l’ambiente circostanti.

 

LA PINEALE PRODUCE MELATONINA

Situata al centro del nostro cervello, la pineale è collegata allo stesso da sofisticate reti neuronali ed è conosciuta soprattutto perché sovrintende e sostiene una moltitudine di funzioni vitali, tra le quali la regolazione del ritmo circadiano sonno-veglia e dell’orologio biologico (crescita, sviluppo, maturazione sessuale).

Infatti l’ormone che secerne primariamente è la melatonina, sostanza nota perché associata appunto alla qualità del sonno e, in buona misura, anche al processo di invecchiamento: è un ottimo anti-age!

Più esattamente la melatonina viene secreta ed elaborata nel periodo notturno, durante il quale la ghiandola raggiunge il massimo della sua attività di notte, dove la conoscenza intuitiva e le facoltà più sottili emergono.

 

ATROFIZZAZIONE DELLA PINEALE: ECCO I RISCHI

All’interno della Ghiandola pineale scorre acqua, che con il passare del tempo calcifica. Questo porta ad una atrofizzazione della Ghiandola. Tale processo di calcarizzazione ed atrofizzazione viene accelerato prevalentemente a causa dell’alimentazione moderna: in particolare con l’uso dei composti di Fluoro usati come additivi nelle acque, bevande, alimenti e presidi medici comuni, come i dentifrici, bibite gassate, acqua fluorizzata, zuccheri raffinati.

In un epoca antica era riconosciuta l’importanza della ghiandola; i ritmi e le pratiche quotidiane ne alimentavano la funzionalità, mantenendola attiva ad esempio con la meditazione o la preghiera e con uno stile di vita sicuramente più in equilibrio con la natura e con sé stessi.
Nell’epoca moderna siamo concentrati spesso sul fare fine a se stesso e i bioritmi naturali del corpo in sintonia con la natura risultano completamente alterati; ciò accelera il processo di calcificazione e conseguente atrofizzazione della ghiandola.

 

La calcificazione della ghiandola blocca la fondamentale funzione della stessa di bilanciare gli interi processi ormonali nel corpo.

 

Ne consegue un aumento delle malattie,  fisiche e mentali: persone sempre più stressate, stanche, aggressive, depresse.

Pensaci: se si disattiva la sede dell’anima, perdiamo la connessione con la nostra divinità interiore, con la nostra forza interiore, con i nostri potenziali e talenti.

Lentamente ci trasformiamo in schiavi moderni, burattini facilmente manovrabili e manipolabili.

 

Perso l’uso della ghiandola, che fine faremmo?

Incapaci di vivere appieno una spiritualità che in potenza potrebbe essere molto più intensa di come è adesso?

 

 

UN RIMEDIO SEMPLICE, NATURALE E SEMPRE ACCESSIBILE

Una ricerca giapponese ha evidenziato che ridere la sera incoraggia il corpo a produrre più melatonina.

Sganasciarsi davanti al proprio comico preferito, sul piccolo come sul grande schermo, poteva essere considerato un semplice passatempo divertente, senza effetti sulla salute. Cosi’ non e’, secondo uno studio giapponese.

 

Ridere non e’ solo un esercizio per i circa 20 muscoli facciali: fa bene anche al resto dell’organismo e regala anni di vita.

 

L’equipe del Moriguchi-Keijinkai ha arruolato un gruppo di neo-mamme con bimbi colpiti da eczema. Ad alcune e’ stato fatto vedere un film di Charlie Chaplin, ad altre un documentario sul tempo. Ovviamente solo le prime hanno riso e nel loro latte sono stati rintracciati più alti livelli di melatonina: i piccoli nutriti con questo, hanno manifestato meno reazioni allergiche.

 

Ma non solo!

Migliorando  la produzione di melatonina, che come abbiamo visto è la principale sostanza che la Pineale secerne, verrà stimolata indirettamente anche quest’ ultima e quindi scongiurata l’atrofizzazione.

Ovviamente questo è uno dei tanti modi per stimolare la Ghiandola Pineale, di certo un metodo naturale e sempre accessibile. Con la risata ci siamo nati e, sebbene molti abbiano perso la capacità di ridere, siano privi di senso dell’umorismo o non abbiano motivi per farlo, oggi si può tornare a gioire praticando la risata incondizionata come insegna lo Yoga della Risata.

Questa metodologia non prevede l’uso di comicità, gag o senso dell’umorismo che sono legate ad un aspetto più cognitivo, bensì promuove  la pratica della risata senza motivo come un semplice esercizio di gruppo.

Chi frequenta un Club della Risata non si aspetta che le occasioni per ridere si presentino, ma le crea: in questo modo si garantisce tutti i benefici per la salute che la risata è in grado di offrire.

Vuoi sperimentare anche tu il potenziale della risata incondizionata su corpo, mente ed emozioni?

Trova il Club della Risata più vicino a te cliccando qui

Conoscenza di Sè, Yoga della Risata

UN PACCHETTO COMPLETO PER LA SALUTE OLISTICA – PARTE 2

Nel precedente articolo abbiamo visto il grandioso potenziale dello Yoga della Risata su cervello, circolazione del sangue, stress, umore e come alleato nel fitness. Oltre a garantirci una corretta respirazione diaframmatica, perché ridere è respirare, la risata è in grado di abbattere istantaneamente i livelli di stress, innalzare quelli della vitalità e del buonumore oltre a sostituire 1 ora di palestra!

Proseguiamo in questa panoramica sui vasti benefici della risata incondizionata anche su cuore, pressione, depressione, ansia, attacchi di panico, sistema immunitario e dolore.

Come può essere ancora meglio di così?

 

MALATTIA CARDIACA E IPERTENSIONE

Studi scientifici hanno dimostrato che ridere costituisce la risposta più semplice per avere un cuore sano. Una risata prolungata e forte è uno dei modi più rapidi per accelerare il battito cardiaco e fornire un eccellente esercizio cardiovascolare, oltre a un ottimo massaggio del muscolo cardiaco.

Il Dr. Michael Miller, ricercatore medico cardiologo, Professore Associato di Medicina, Epidemiologia e Direttore del

reparto di Medicina Preventiva del Centro di Cardiologia preventiva all’Università del Maryland, ha scoperto che ridere elasticizza i vasi sanguigni, migliorando la circolazione e riducendo la pressione arteriosa, dopo solo 10 minuti di risata!

 

DEPRESSIONE

La depressione è la malattia oggi più diffusa. Combina vari sintomi che interferiscono con la capacità di lavorare, studiare, dormire e mangiare. E’ una condizione invalidante che può attaccare un individuo più volte nel corso della vita. Chi è depresso ride di rado, e chi ride raramente è depresso.

Lo Yoga della Risata ha aiutato migliaia di individui a superare la depressione grave in tutto il mondo, perché usa la risata sotto forma di esercizio fisico, al posto della comicità condizionata. Ciò significa che chiunque può ridere, indipendentemente dal proprio stato mentale e dalle proprie abilità cognitive.

Così, anche i depressi sono in grado di ridere.

Non è insolito che pazienti affetti da depressione a lungo termine guariscano grazie alla risata, anche dopo molti anni di trattamenti antidepressivi.

Lo Yoga della Risata crea uno stato mentale positivo e favorisce un atteggiamento positivo, fiducioso e ottimista. Il mondo sembra un luogo meraviglioso pieno di divertimento e di gente interessante, con un grande potenziale per il successo e la felicità.

In questo stato, è meno probabile soccombere a sentimenti di depressione e sfiducia. Poiché si sa che ridere riduce il livelli degli ormoni legati allo stress, la risata si rivela un rimedio efficace per sollevare l’umore istantaneamente.

Lo stress da depressione spegne il sistema di risposta automatica del tipo “attacco o fuga”, che coinvolge il sistema immunitario, l’apparato digerente e quello sessuale.

Così, lo stress cronico da depressione provoca nel paziente una caduta di interesse nelle attività che portano al piacere, ivi inclusi il sesso e la buona cucina. Il sistema immunitario indebolito espone alla malattia e al disagio.

Lo Yoga della Risata, invece, ha l’effetto opposto sull’organismo. Accende e rinforza il sistema immunitario,

l’apparato digerente e quello sessuale, ripristinando il piacere della buona tavola e di una vita sessuale appagante, e mettendo il corpo in condizione di combattere le infezioni e i vari malanni.

La depressione si associa frequentemente al dolore fisico, alla perdita di appetito, all’immobilità, all’insonnia e ad altri problemi cardiovascolari. Praticare lo Yoga della Risata regolarmente aiuta a risolvere la maggior parte delle malattie, perché è uno dei metodi più veloci per migliorare il ritmo cardiaco, per ridurre la pressione arteriosa, per fornire un eccellente esercizio cardiaco e per alleviare il dolore.

 

La risata prolungata è un esercizio fisico con potenti effetti terapeutici “corpo-mente”.

 

Oltre a rinforzare l’organismo perché collabori nel processo di guarigione, può fornire uno strumento mentale per aiutare a gestire lo stress della malattia, e per trasformare la condizione emotiva, attraverso una forte motivazione a recuperare la salute.

 

ANSIA E ATTACCHI DI PANICO

Quando ci si trova in uno stato emotivo, lo schema respiratorio si altera drasticamente.

Diventa più veloce, superficiale e irregolare. A volte, si trattiene il respiro quando si è sotto stress e questo fenomeno porta a un accumulo di anidride carbonica nel sangue.

Lo Yoga della Risata offre un eccellente esercizio cardiaco e stimola un particolare schema di respirazione che offre significativi benefici. Abbassa la quantità di aria residua nei polmoni, sostituendola con aria ricca di ossigeno.

Ciò riduce il livello di anidride carbonica nei polmoni, riducendo così, di pari passo, il rischio di infezione polmonare.

Trasformando lo schema respiratorio da superficiale a profondo e diaframmatico, stimola il sistema nervoso parasimpatico, che è il ramo calmante del sistema nervoso autonomo, ed è l’opposto del sistema simpatico di eccitazione da stress.

Questo fenomeno scientifico, accoppiato all’antica saggezza yogica del respiro consapevole, rende questa idea un esercizio unico per rilasciare lo stress e curare l’ansia.

Puoi approfondire leggendo l’articolo “Ridere è Respirare – La Scienza del Respiro” 

 

ANALGESICO NATURALE

Lo Yoga della Risata è un rimedio universale per rilasciare le emozioni e ridurre il dolore.

La pratica regolare degli esercizi ha aiutato migliaia di individui a gestire un dolore inatteso. E’ unico perché approccia la risata come un esercizio fisico, piuttosto che usando la comicità cognitiva.

Ciò significa che tutti possono ridere, indipendentemente dal proprio stato mentale e dalla propria abilità cognitiva.

 

Spesso chi soffre di dolore cronico guarisce attraverso la risata.

 

Nell’istante in cui proviamo dolore, naturalmente ci tendiamo e c’è contrazione muscolare. Più tendiamo i muscoli, più il dolore diventa intenso. Lo Yoga della Risata provoca il rilascio di endorfine, oppiacei naturali che sono ben più potenti dell’equivalente quantità di morfina.

Aiuta a ridurre l’intensità del dolore in chi soffre di artrite, spondilite e spasmi muscolari. Molte signore hanno riscontrato una frequenza ridotta di emicrania.

 

Fonte: www.laughteryoga.org

 

A questo punto non ti resta che unirti al Club della Risata più vicino a casa tua!

In questo modo ti assicurerai una salute psico-fisica equilibrata e ricca di serenità.

Yoga della Risata

UN PACCHETTO COMPLETO PER LA SALUTE OLISTICA – PARTE 1

C’ è una domanda sempre crescente di aprire nuovi Club della Risata nel mondo, perché ormai molte persone sono a conoscenza degli enormi benefici per la salute che derivano da questa pratica. Si sono rivelati un’ottima base per creare una rete sociale efficace, fatta di relazioni di cura e di condivisione.

Si avvertono i benefici fin dalla prima sessione e chi frequenta ha riscontrato importanti miglioramenti nel proprio stato di salute, oltre a un atteggiamento mentale positivo e a livelli di energia più elevati.

La prima cosa che si dice è che non ci si ammala così spesso come prima. Si sono riscontrati miglioramenti nella maggior parte delle malattie da stress, come l’ipertensione, i disturbi cardiaci, la depressione, l’asma, l’artrite, le allergie, i disturbi muscolari, ecc..

Lo Yoga della Risata è un pacchetto completo per il benessere fisico, mentale, sociale e spirituale dell’individuo. Perciò, non è tanto la filosofia ad attrarre la gente, quanto i benefici personali che ciascuno può ricavarne.

 

LO YOGA DELLA RISATA PORTA PIÙ GIOIA

 Se chiedi a un membro di un Club quali benefici abbia ottenuto dalla pratica, per prima cosa ti dirà che, dopo aver riso per 15 minuti, si è di buonumore e si rimane così per tutta la giornata.  Questo senso di benessere ha origine nel rilascio degli “ormoni della felicità”, ovvero le endorfine, che possono migliorare l’umore istantaneamente, e se l’umore è buono ti senti bene in ogni ambito della tua vita.

Le persone dicono anche che, da quando praticano lo Yoga della Risata, ridono molto più di prima. Prima, infatti, era difficile per loro ridere, mentre ora hanno sviluppato la capacità di ridere per piccole cose. Ciò è attribuibile a due fattori:

 

  1. Lo Yoga della Risata aiuta a sviluppare il senso dell’umorismo
  1. Aiuta a coltivare la giocosità tipica dell’infanzia

 

OTTIMO ESERCIZIO CARDIO FITNESS

Poiché la vita si è fatta più sedentaria e stressante rispetto a un tempo, la gente fa fatica a impegnarsi in una routine di attività fisica. Lo Yoga della Risata è un’alternativa ideale.

E’, a tutti gli effetti, simile a un esercizio aerobico, ma senza la necessità di indossare particolari scarpe o tute, senza la necessità di utilizzare attrezzature particolari. Basta ridere.

 

Secondo il Dr. William Fry, 10 minuti di risata diaframmatica equivalgono a 30 minuti al vogatore!

 

Naturalmente, questa affermazione è vera dal punto di vista della resistenza cardiaca e polmonare. Lo Yoga della Risata è ideale per i professionisti che hanno pochissimo tempo da dedicare alla attività fisica: 20 minuti di pratica possono darti risultati simili a quelli che otterresti facendo ginnastica per un’ora. Grandioso vero?

 

PIÙ OSSIGENO PER IL CERVELLO E PER TUTTO IL CORPO

Questo è un fattore fondamentale per il benessere. Le emozioni negative limitano la scorta di ossigeno e inducono una respirazione superficiale clavicolare.

Gli esercizi di Yoga della Risata sono studiati per facilitare un’espirazione di durata più lunga e per indurre la respirazione diaframmatica. Ciò aiuta a pulire i polmoni dall’ aria stagnante residua e ad aumentare la provvista netta di ossigeno.

 

 

MIGLIORA LA CIRCOLAZIONE DEL SANGUE

Un malessere fisco o mentale limita la circolazione e rallenta l’intero organismo. La ricerca ha dimostrato che ridere provoca una specie di “jogging interno”, in grado di massaggiare e favorire la circolazione sanguigna, la digestione e il sistema linfatico.

Il sangue circola più velocemente e ripulisce i vari organi dalle scorie, permettendo all’organismo di funzionare al meglio.

 

ANTI – STRESS NATURALE

Lo stress è oggi il killer numero uno  e la maggior parte delle malattie è riconducibile a questa condizione.

Quando siamo sotto stress, i cambiamenti biochimici alterano lo schema di respirazione, rendendolo superficiale e irregolare.

Oltre il 70-80 % delle malattie si collega allo stress. Sono compresi nel novero

 

  • i disturbi cardiovascolari come l’ipertensione e l’infarto, l’asma, l’artrite
  • molte forme allergiche
  • il diabete
  • il cancro
  • la sindrome di affaticamento cronico
  • gli attacchi di panico
  • i disturbi dell’umore
  • la depressione
  • l’insonnia
  • l’ulcera
  • le immunodeficienze
  • il dolore cronico
  • la sindrome di deficit di attenzione per iperattività (ADHD)
  • il raffreddore e l’ influenza
  • l’emicrania
  • l’alcolismo, l’abuso di droghe e altro ancora.

 

Lo Yoga della Risata è un anti-stress con effetto immediato.

 

E’ stato scientificamente dimostrato che ridere riduce il livello degli ormoni dello stress come il cortisolo e l’epinefrina, favorendo il sorgere di emozioni positive.

 

LA RISATA RINFORZA IL SISTEMA IMMUNITARIO

Un sistema immunitario indebolito è la causa principale di ogni tipo di malattia. Si spendono milioni in ricette trascurando i meccanismi naturali di prevenzione e auto guarigione del corpo.

Lo Yoga della Risata rinforza il sistema immunitario, così ci si ammala con minor frequenza.

L’indebolimento del sistema immunitario è anche responsabile dello sviluppo di tumori.  Ridere, viceversa, provoca un rapido innalzamento dei livelli di immunoglobulina, sostanza che aiuta a combattere le infezioni, e provoca anche

un aumento delle cellule Natural Killer (cellule NK) nel sangue, cellule che giocano un ruolo chiave nella prevenzione della malattia oncologica.

Secondo il Dr. Lee Berk della Loma Linda School of Public Health in California, ridere rinforza i meccanismi di difesa dell’organismo, con le cellule-T, le cellule Nk e gli anticorpi, tutti segni evidenti della maggiore attività di autodifesa.

La risata dovrebbe combinarsi ad altre forme di cura per fornire ai pazienti oncologici una migliore qualità della vita, unitamente a più elevate probabilità di guarigione.

E fortunatamente molti medici hanno già compreso la potenza di questa sinergia e la applicano con successo in diversi reparti.

 

In generale, la risata aumenta la resistenza alle infezioni, aumentando la concentrazione di anticorpi nel sangue e aumentando il numero di globuli bianchi nella reazione immunitaria, che serve a combattere le infezioni.

 

Fonte www.LaughterYoga.org

 

Ma non finisce qui. Ho parlato di un pacchetto completo per la salute olistica. Nei prossimi articoli approfondiremo come la risata sia un ottimo alleato in caso di malattie cardiache, ipertensione, depressione, ansia, attacchi di panico, dolori nonché per il proprio sviluppo personale.

 

Nel frattempo, se ti sei incuriosito, sperimenta anche tu il potenziale della risata incondizionata: inizia a frequentare un Club della Risata!

In Italia ce ne sono più di 300: trova qui quello più vicino a casa tua!

O meglio ancora creane uno! Scopri qui come

 

Gioiosa Vita, Luisa

 

Luci nell'Ombra

Amore oltre ogni separazione

Amore è una parola che usiamo per descrivere un’ emozione, o una passione, o un’ attrazione. Questo è quello che accade di solito. Ma Amore è tutt’altro. Amore comprendere tutte queste cose e anche tutti i loro opposti.

Perché Amore è proprio vedere che l’altro non esiste, ma sei tu.

Non significa essere la stessa persona, perchè non c’è una persona. E proprio questa realizzazione che non c’è una persona da nessuna parte, è Amore.

Quindi l’Amore di per sè non ha scopo: non serve a niente, non è per nessuno.

L’Amore non serve a nulla ma quando lo perdiamo di vista c’è sofferenza, perchè, quando lo perdiamo di vista, frammentiamo qualcosa che sostanzialmente è un unico Essere in più parti.
Ecco perchè quando questo accade ci sentiamo divisi, spezzati e sentiamo che manca qualcosa.

Quello che ci manca è il nostro Vero Sè, noi stessi. Noi ci manchiamo e quindi sentiamo dolore e cominciamo a cercarci.

A volte lo facciamo nell’altro, nel nostro compagno o compagna, a volte nella nostra Guida o Insegnante. Cerchiamo qualcosa che ponga fine a quel senso di incompletezza che è così doloroso, ma, se lo cerchiamo nell’altro, perdiamo il punto.

Potremmo continuare a farlo tutta la vita, ma quel senso di incompletezza non finirà mai del tutto. Nessun amante, nessun compagno o compagna, nessun Guru o Insegnante, potrà mai farti sentire amato o amata. Mai del tutto.

Però, se vedi te stesso negli occhi del tuo amante, nello sguardo del tuo Maestro, allora c’è Amore.

Fonte: www.shakticaterinamaggi.com

 

Ho voluto esordire così questo articolo perchè le parole di Shakti Caterina Maggi non hanno bisogno di alcun contorno.

Mi hanno risuonato così in profondità che ho sentito il desiderio di condividerle con te che mi stai leggendo.

Ti invito ad approfondire il suo messaggio nel breve e intenso video qui sotto. Puoi semplicemente chiudere gli occhi, portare la tua attenzione sulle sue parole ed osservare cosa muovono in te.

Buona esperienza.

 

 

Interessante punto di vista questo punto di vista. Cosa ne pensi? Quali sensazioni ti ha suscitato?

Se hai piacere, puoi condividere il tuo pensiero qui sotto: ogni condivisione crea ricchezza per tutti.

Gioiosa Vita,

Luisa

Yoga della Risata

PUOI RIDERE ANCHE SE NON SEI FELICE

Lo Yoga della Risata fa una netta distinzione tra felicità e gioia. La felicità è una risposta condizionata. Dipende dalla soddisfazione di alcuni desideri della mente ed è collegata agli accadimenti nel passato e nel futuro, difficilmente ha a che fare con il presente.

Ricordi per quanto tempo sei stato felice dopo aver ottenuto quel diploma, quell’auto, quel posto di lavoro o quella nuova casa per cui avevi lavorato così duramente?

Purtroppo, il fatto è che, anche quando le condizioni sono soddisfatte, la felicità spesso vola via in fretta, sostituita da nuove condizioni, nuovi traguardi, sempre più ambiziosi.

 

Viceversa, la gioia è un impegno incondizionato a essere felici nel momento e a divertirsi nonostante i problemi della vita. La gioia è facilmente innescata da attività gioiose come ridere, danzare, cantare e giocare.

È un fenomeno puramente fisico, mentre la felicità è un concetto mentale.

Quando sei gioioso, sperimenti cambiamenti fisiologici e biochimici. La generazione di buoni sentimenti e un senso di benessere cambiano il tuo modo di guardare alla vita.

Lo Yoga della Risata implica l’imparare a essere gioiosi e puoi navigare attraverso la felicità in un modo diverso.

 

FAI FINTA FINCHÉ NON LO FAI PER DAVVERO  (Fake It Until You Make It)

Un antico adagio recita così: “Se non sei felice, comportati come se lo fossi e lo diventerai.”

C’è una grande saggezza alla base di queste parole: “recitare la felicità”. La ricerca medica mostra che, se si finge di ridere o ci si atteggia a persone felici, il corpo produce la chimica della felicità.

Secondo i principi della Programmazione Neurolinguistica (PNL) c’è ben poca differenza tra il pensare a qualcosa e realizzarla. Quindi, non importa quale sia la fonte della risata, essa induce sempre gli stessi cambiamenti fisiologici nell’organismo.

Molti attori, in tutto il mondo, hanno sperimentato l’effetto del simulare le emozioni. Spesso si sentono poco bene dopo aver interpretato un ruolo triste e depresso, il che indica chiaramente come il recitare la tristezza faccia male, mentre recitare la felicità faccia bene alla salute.

Tratto da “Lo Spirito Interiore della Risata”, Dr. Madan Kataria

 

COLTIVA LA GIOCOSITÀ TIPICA DELL’ INFANZIA

 La risata non riguarda solamente il ridere. Implica il coltivare la giocosità del bambini.

Una volta che impari a giocare, non devi per forza ridere. La risata diventa il risultato naturale del tuo bambino interiore giocoso. Se vuoi sbarazzarti della tua dipendenza dalle battute umoristiche e vuoi continuare a ridere, semplicemente diventa simile a un bambino.

“Nella fase iniziale della crescita del Club, quando scoprimmo che le barzellette non ci potevano far ridere a lungo, ci sforzammo di ridere in gruppo, ma molti trovarono quest’azione meccanica e si stancarono presto della pratica. Anche se ridere in gruppo costituisce sicuramente uno stimolo, un comportamento infantile da parte di un adulto aiuta a superare le inibizioni. Perciò, incorporiamo le nostre azioni fanciullesche nell’attività del Club, emettiamo suoni buffi, percuotiamo le nostre guance dopo averle gonfiate, ridiamo come bambini e parliamo in Gibberish. Ricordiamo ai nostri partecipanti l’importanza di essere come bambini.”

Dr. Madan Kataria, Fondatore del Laughter Yoga

 

 

 

‘‘Ogni bambino nasce con molto potenziale creativo per ridere, divertirsi, giocare, essere felice e amare. Ogni limitazione a qualunque di queste azioni ha un effetto avverso sulla crescita del bambino e sul suo sviluppo. Chiunque cresca con il bambino interiore troverà salute, armonia e felicità. Perciò, invece di crescere escludendo il bambino che c’è in noi, dovremmo piuttosto crescere insieme a lui.’’

Robert Holden

 

Da adulti, in pochissimi riusciamo a mantenere la capacità di stupirci che hanno i bambini. Sono stati scritte molte poesie sul desiderio di ritornare alla propria fanciullezza, ma non è sufficiente.

Occorre intraprendere qualche azione aggiuntiva.

Non si può imparare a nuotare senza entrare in acqua, si può ritornare simili ai bambini solo se ci si comporta come loro.

Per un breve intervallo di tempo, quotidianamente, i partecipanti di un Club della Risata cercano di rivisitare la propria infanzia e di portare questo spirito libero nella vita di ogni giorno.

E da quello spazio invitare sempre più GIOIA nella propria Vita.

 

Fonte www.LaughterYoga.org

 

Più informazioni su cos’è e cosa si fa al Club della Risata le puoi trovare cliccando qui.

 

Esistono oltre 300 Club della Risata in Italia!

Trova il più vicino a casa tua qui.

 

Ti auguro di risvegliare la Gioia che Tu Sei.

 

Yoga della Risata

PUOI RIDERE ANCHE SE NON SEI DI BUONUMORE

“Come faccio a ridere quando non sono di buonumore o quando non c’è proprio nessuna ragione per ridere? ” . La risposta è nella teoria per cui l’azione crea l’emozione.

 

C’è uno stretto legame tra corpo e mente. Tutto ciò che avviene nella mente avviene anche nel corpo. Se osservi qualcuno che è triste e depresso, vedrai che la depressione si legge anche nel corpo. Le persone depresse camminano lentamente, parlano lentamente e hanno movimenti pigri e svogliati.

 

Vale anche il contrario: tutto ciò che avviene nel corpo avviene anche nella mente.

 

Ricordo che mio padre mi diceva: “Se sei triste, non startene in ozio. Fai qualche lavoro fisico o esci a fare una camminata o una corsa, ti sentirai meglio”.Aveva ragione, mi sento sempre meglio quando mantengo attivo il mio corpo. È questa la teoria per cui l’azione crea l’emozione e stabilisce un legame a due vie tra corpo e mente.

Dr. Madan Kataria, Fondatore del Laughter Yoga

 

Se cambiamo la qualità dei nostri pensieri, avvertiamo un cambiamento nel comportamento del corpo. Viceversa, se cambiamo qualcosa nel comportamento del corpo, possiamo sperimentare il cambiamento anche nel nostro stato mentale.

 

Lo Yoga della Risata ha la capacità di sincronizzare corpo e mente mantenendoli in mutua armonia.

 

 IL LEGAME A DUE VIE TRA CORPO E MENTE

 

Lo psicologo William James, nel 1884, trovò che lo stato mentale, positivo o negativo, si rispecchia nelle corrispondenti espressioni del corpo, o “comportamento del corpo”. Nella sua ricerca evidenziò come ogni emozione nella mente abbia un corrispondente comportamento nel corpo. Scoprì che atteggiare il corpo secondo una precisa emozione innesca il cambiamento corrispondente nello stato mentale. La connessione funziona in entrambi i sensi: dalla mente al corpo e dal corpo alla mente.

 

Considera queste affermazioni:

  • Pensare al sesso porta all’eccitazione degli organi sessuali e la stimolazione delle zone erogene produce la corrispondente eccitazione a livello mentale.
  • Muoversi in modo triste e depresso (per esempio tenere la schiena curva, rispondere alle domande con voce lamentosa) presto induce una autentica tristezza a livello emotivo.
  • Gli attori che portano in scena emozioni forti spesso dicono di avere ripercussioni emotive nella loro vita reale. Molti attori di cinema e teatro dicono di aver sperimentato una autentica malinconia dopo aver interpretato a lungo ruoli drammatici.

 

Il Dr. Dale Anderson, MD (Minnesota USA) racconta di un’attrice americana che aveva interpretato così a lungo ruoli tragici da essere caduta in depressione, con tutti i classici sintomi della malattia. Dopo accurati esami clinici, i medici la dichiararono fisicamente sana, ma gli psicologi suggerirono di interpretare qualche ruolo più brillante. L’attrice seguì il consiglio e i sintomi della depressione scomparvero del tutto.

 

Lo stesso fenomeno si può osservare negli atleti che partecipano a competizioni sportive.

Agiscono fisicamente in modo coraggioso e forte, gridano o fanno ampi gesti in modo da portare la mente in uno stato mentale vincente. Ciò serve a ridurre ansia e paura.

 

I soldati usano tattiche analoghe quando si preparano a un attacco, spesso gridano per darsi coraggio. Questa espressione corporea del coraggio crea la corrispondente emozione a livello mentale.

 

YOGA DELLA RISATA – IL MODELLO DEL BAMBINO

Sai che i bambini ridono più di 100 volte in un giorno, mentre gli adulti ridono solo da 10 a 15 volte nello stesso arco di tempo?

Ciò è dovuto al fatto che gli adulti usano la propria capacità cognitiva per comprendere la comicità, in prima battuta, e poi, eventualmente, ridere. Questo è ciò che chiamiamo il modello dalla mente al corpo o modello della comicità.

Si basa sulla capacità di comprendere che cosa ci sia di divertente. Per esempio, quanto una persona ride per una barzelletta dipende dalla qualità della storiella, da come viene raccontata e dallo stato mentale di chi la ascolta.

Ma il modello ha i suoi limiti: non garantisce quanto a lungo la persona riderà. È condizionato: dipende dal senso dell’umorismo, dallo stato mentale e dalla qualità dello stimolo esterno. Trattandosi di un’esperienza mentale, ha lo svantaggio di diminuire con l’aberrazione fisica o mentale, che riduce la funzionalità cognitiva e intellettuale.

 

L’altro modello è il modello del bambino o modello dal corpo alla mente. Se osservi i bambini, vedrai che questi ridono, per lo più, mentre giocano. La loro risata viene dal corpo e non fa uso della capacità intellettuale del cervello.

Ciò mostra chiaramente che la fonte della risata è all’interno del corpo. Anche noi possiamo usarla ogni volta che è necessario, muovendo il corpo a nostro piacere. La caratteristica significativa di questo modello è che la persona deve partecipare attivamente alla risata e alle attività umoristiche.

Rimanendo passivi, non si ottengono gli stessi benefici.

 

Lo Yoga della Risata e il ridere senza motivo aiutano a coltivare la giocosità tipica dell’infanzia. Una volta che impari a giocare, ridere è il risultato naturale. Quando impari a indurre la risata nel corpo, la mente lo segue a ruota. Il modello fisico della risata è facile da praticare per la maggior parte delle persone, che si sentono sollevate per il fatto di non dover subire la pressione di doversi identificare con la parte mentale della comicità.

 

Fonte: www.LaughterYoga.org

 

“Quando sei di buonumore farai al meglio ogni cosa”

Dr. Madan Kataria, Fondatore del Laughter Yoga

 

Anche tu vuoi imparare a trasformare il tuo umore in una manciata di minuti?

Clicca qui per scoprire come.

 

Ti auguro di risvegliare la Gioia che Tu Sei.

 

Yoga della Risata

NON C’È BISOGNO DI SENSO DELL’ UMORISMO PER RIDERE

Qual è la relazione tra senso dell’umorismo e risata? È possibile ridere senza un motivo? La maggior parte della gente crede che si debba essere dotati di senso dell’umorismo per poter ridere, mentre lo Yoga della Risata ha dimostrato il contrario.

In questo articolo sfatiamo il mito secondo cui per ridere è necessario avere senso dell’umorismo o un valido motivo.

 

NON SI NASCE CON IL SENSO DELL’ UMORISMO

Esatto, con il senso dell’umorismo non si nasce semmai si acquisisce gradualmente. Il senso dell’umorismo è un fenomeno mentale ed intellettuale: è quella capacità cerebrale di percepire, fare collegamenti, sperimentare una situazione e giudicare se si tratta di qualcosa di divertente oppure no. Questa capacità di giudizio si acquisisce gradualmente, nel passaggio dall’infanzia all’età adulta.

La risata provocata dall’umorismo è condizionata. Dipende dalle qualità intellettuali di una persona, dal suo stato mentale, dal livello di felicità e dalla soddisfazione nella vita.

 

STRESS E DEPRESSIONE

Nella società in cui viviamo, sempre sotto pressione, sempre in competizione gli uni con gli altri, stiamo perdendo la voglia di ridere. Oltre il 70-80% delle malattie e dei disturbi è riconducibile allo stress.

Il mondo sta diventando sempre più accigliato, vero?

C’è poco spazio per la gioia, specialmente sul posto di lavoro. Giornali e televisione poi ci bombardano di notizie sgradevoli e ci riempiono la testa con pensieri negativi, generando insicurezza.

A proposito – apro e chiudo una parentesi –  a mio modesto parere la cosa più saggia che tu possa fare per ritrovare una connessione con te stesso – che poi è il primo passo verso la Vera Felicità –  è smettere di seguire i notiziari , non solo alla tv, ma anche via radio o tramite giornali: urge una forte disintossicazione da tutta la spazzatura che vogliono rifilarti nella testa, sei d’accordo?

Non temere di  essere “disinformato” o “fuori dal mondo”: è solo un giochetto della mente. Sperimenta tu stesso quanto meglio puoi stare evitando di inquinare la tua energia fisica, mentale ed emozionale con situazioni allarmanti o che provocano in te reazioni spiacevoli.  Il più delle volte non ti rendi nemmeno conto perché accade tutto a livello inconscio … ed è quello che dirige la tua vita, non la tua razionalità!

Oggi è una bella sfida combattere lo stress e mantenersi in buona salute, per non parlare dei costi alla sanità! Le persone cercano soccorso in diversi tipi di terapia, non conoscendo o sottovalutando le enormi potenzialità del RIDERE.

Come fare dunque a ridere se di fatto intorno a noi non ci sono buoni motivi per farlo?

 

Ecco la buona notizia: la risata si può ottenere anche incondizionatamente.

 

Prendi i bambini ad esempio: ridono senza che le abilità mentali e cognitive li aiutino a comprendere l’umorismo. La maggior parte delle loro risate è il risultato della giocosità e della gioia che questa comporta.

Per sviluppare la capacità di ridere ancora in modo gioioso, è opportuno che gli adulti rimuovano strati di inibizioni, di programmi e di blocchi mentali creati da se stessi, dalla famiglia, dalla società. Sotto queste barriere si cela un’infinita capacità di ridere senza motivo.

Quanto è facile per te ridere senza un motivo?

 

LIBERA IL TOMBINO DAI DETRITI

Insegnare ad una persona inibita a sviluppare l’abilità di ridere è come liberare un tombino dai detriti. Una volta rimossi i calcinacci e le cristallizzazioni, la risata scorre naturalmente di nuovo.

Non nasciamo con il senso dell’umorismo, ma con la risata spontanea si!

Crescendo, il più delle volte perdiamo e reprimiamo questo dono che ci appartiene …tuttavia è sempre lì con noi e per noi! Vuoi liberarla e iniziare finalmente a VIVERE?

 

Lo Yoga della Risata facilita questo processo di pulizia.

 

Man mano che anni di riprogrammazione vengono ripuliti, la risata gioiosa naturale dentro di te si libera e comincia a scorrere!

Le tecniche dello Yoga della Risata sono efficaci anche con chi ha perso la capacità di ridere o è totalmente privo di senso dell’umorismo. Spesso le persone dicono “Sono depresso, non riesco a ridere” oppure “Non mi sento di ridere”.

Un buon Trainer di Yoga della Risata ti rincuorerà dicendo

 

“Porta il tuo corpo a ridere e la mente lo seguirà”  😀

 

BENEFICI SCIENTIFICAMENTE DIMOSTRATI

È stato scientificamente dimostrato che la risata ha un impatto profondo sul corpo e sulla mente. Non solo aiuta a prevenire le malattie rinforzando il sistema immunitario, ma ha anche un effetto terapeutico.

Una dose giornaliera di risate è in grado di eliminare lo stress e fare spazio alla gioia. Ha il potere di rallentare la frequenza cardiaca e di rinforzare la mente, di sollevare il morale e dissipare il pessimismo, tutto in un istante.

Sembra follia, in realtà è una specie di magia!

 

CHI LA FERMA PIÙ!

Una volta liberata, la risata naturale è difficile da fermare. Anche in un paese come il nostro, la Bella Italia, il Paese del Sole, del buon Cibo e della Bella Vita dove ci aspetta di trovare un’atmosfera gioiosa e solare, ormai le persone difficilmente ridono fragorosamente in pubblico senza sentirsi a disagio.

Eppure, grazie allo Yoga della Risata, persone che hanno perso il sorriso, che si sono irrigidite e identificate con la serietà, ora ridono anche per le piccole cose. Hanno anche incominciato a raccontare barzellette e a comportarsi in modo divertente, prendendosi meno sul serio cosa che mai avevano fatto prima.

La giocosità le ha aiutate a sviluppare il proprio senso dell’umorismo e ha portato più risate nelle loro vite.

Infatti, la risata e l’umorismo condividono una relazione causa-effetto.

Sono all’unisono e non possono essere scissi. L’uno implica l’altro. A volte l’umorismo, che è più mentale e cognitivo, è la causa, mentre l’effetto è la risata, un fenomeno fisico.

 

Nei Club della Risata la risata è la causa e l’umorismo ne è l’effetto.

 

Ecco perché non c’è bisogno di senso dell’umorismo per ridere.

Questo ha portato ad una popolarità sempre più crescente dei Club. Perciò, anche se non hai alcun senso dell’umorismo, non ti preoccupare. Unisciti ad un Club della Risata e presto lo svilupperai, o meglio ancora, fondane uno!

È il modo migliore per portare più risate nella tua vita e quella delle persone che ami   🙂

Se ritieni utile questo post, condividilo liberamente con chi desideri: la felicità è reale solo quando viene condivisa e chissà che il tuo contributo non sia utile a qualcuno che ha proprio bisogno di tornare a ridere!
Ti auguro di risvegliare la Gioia che Tu Sei.

Luisa

 

 

Conoscenza di Sè

CHI E’ CONTENTO NON E’ ALTRO CHE AMORE

chi è contento non è altro che amore

Non è un risultato, non devi far pratica per imparare ad accontentarti in modo che tutto ti accada: il divino, la beatitudine e il nirvana, no. La soddisfazione in sé è il punto.

Un essere umano contento è consapevole del fatto che la soddisfazione è tutto, tutto quanto è già accaduto. Il suo dire di sì si espande sempre di più. Il suo essere è sempre più sintonizzato con l’accettazione.

Diventa sempre più consapevole del fatto che in ogni circostanza le cose sono come dovrebbero essere.
Se sei puro, accontentarti è possibile.

Significa vedere il Tutto nella sua immensa bellezza.

Accontentarti ti viene naturale se osservi il mattino, quanto è bello; se osservi il pomeriggio, quanto è bello; se osservi la notte, quanto è bella. Se riesci ad osservare quel che ti circonda, costantemente, in questo flusso di meraviglia.

Ogni istante è un miracolo, ma tu sei completamente cieco. I fiori sbocciano e non li vedi mai; i bimbi ridono e non li ascolti mai; i fiumi cantano e sei sordo; le stelle danzano e sei cieco. I buddha arrivano e cercano di svegliarti, ma sei profondamente addormentato. In questo modo, non è possibile farti contento.

Accontentarsi significa essere consapevoli del fatto che tutto quel che cerchi è già qui. Se riesci a renderti appena appena conto di quel che già accade, che cosa ti puoi aspettare di più?

Pretendere di più sarebbe vera e propria ingratitudine. Se riesci a vedere il tutto, semplicemente ringrazierai. Sentirai un’immensa gratitudine provenire dalle profondità del tuo essere. Ti troverai a dire: “Va tutto bene, tutto è bellissimo, tutto è santo. Sono grato perché non me lo sono guadagnato e mi è stata data la fortuna, l’opportunità di vivere, di respirare, di sentire, di vedere gli alberi fiorire e di udire gli uccelli cantare”.

Se riesci a esserne consapevole…
basta solo un po’ di consapevolezza e ti accorgerai che non hai nulla da cambiare, nulla da desiderare. Ti è già stato dato tutto quello di cui hai bisogno. Non riesci a rendertene conto per via delle tue lamentele, sei immerso in una nuvola di lamentele, di negatività. I tuoi occhi sono annebbiati dal fumo e non riesci a scorgere la fiamma. Dovunque tu vada, vedrai sempre il desiderio come l’orizzonte… laggiù, da qualche parte nel futuro. Sarà sempre così. E quando proietti il desiderio nel futuro, sei scontento. Ed essere scontenti è l’inferno.

Quando riesci a comprendere questo, guardi la realtà non attraverso lo schermo del desiderio, ma nell’immediato, direttamente. Metti da parte il desiderio e osservi, semplicemente. Apri gli occhi e tutto appare talmente perfetto.

Io l’ho provato! Ecco perché ve lo dico.

È talmente perfetto che non c’è nulla da migliorare. A quel punto, sei davvero contento. Il sole bruciante del desiderio sparisce e la brezza silenziosa della sera, l’oscurità, scendono su di te e presto di avvolgeranno, sarai avvolto nel calore della notte, nell’ utero della felicità. Accontentarsi è un modo di vedere, ma accade solo quando sei innocente, leggero, senza pesi.

La gratitudine è certamente uno dei più preziosi processi alchemici.

Se prende possesso di te, allora ogni tipo di nevrosi, psicosi, o qualsiasi altra psicopatologia, svanisce in modo del tutto naturale…

Per me, questa è l’unica preghiera.

Tutte le altre preghiere sono costruite dall’uomo.

Questa è la sola preghiera che si manifesta in te come il profumo dai fiori: una preghiera non detta, non espressa in parole, ma vissuta. È espressa in ogni tua azione, in ogni tuo gesto.

Osho

La mente si lamenta in continuazione. Dalla culla alla tomba, è tutto un viaggio di lamentele. Ecco come ci perdiamo la grande opportunità di crescere, di amare, di esistere, di godere delle cose.

Ci sarebbe talmente tanto per cui danzare, cantare, amare. Dobbiamo modificare quest’abitudine di lamentarci. Invece di lamentarvi, imparate l’arte della gratitudine. Ecco cos’è la meditazione, l’arte della gratitudine.

Se vi spostate dalla lamentela alla gratitudine, dall’infelicità alla felicità, tutta la vostra visione della vita cambia, l’intera prospettiva.

 

Improvvisamente la primavera sboccia nel vostro essere, migliaia di fiori sbocciano nella vostra coscienza e il primo fiore a sbocciare è quello dell’amore.

 

Chi è contento non è altro altro che amore.

Non è neppure colui che ama, è amore e basta.

Ama per l’amore in sé, perché è questo il modo in cui manifesta la propria gratitudine all’esistenza. Questa è la sua gratitudine, la sua preghiera. Ama il mondo intero e non chiede nulla in cambio. Da’ semplicemente perché ha ricevuto così tanto dall’esistenza che pensa di doverne condividere un pò.

Il miracolo sta nel fatto che più condividiamo e più ci torna indietro. Quando impari il segreto e la matematica del condividere, non puoi essere avaro: continui semplicemente a condividere sempre di più, perché più condividi e più ottieni in cambio.

Condividi la tua beatitudine, condividi il tuo amore, condividi la tua comprensione. Condividi tutto ciò che possiedi, tutte le tue ricchezze interiori. È proprio questo tipo di condivisione che intendo quando dico che l’uomo felice diventa l’amore stesso.

Cambia il tuo stato mentale dall’ infelicità alla felicità e osserva il miracolo: l’amore inizia a fluire dentro di te in migliaia di fiumi, in una miriade di dimensioni e di prospettive diverse.

La vita diventa un tale splendore, incomprensibile all’intelletto, insondabile per la mente, un grande mistero, l’estasi suprema.

 

Tratto da Osho Times Ott. 2009

Luci nell'Ombra

MESSAGGIO DI NATALE

trattamenti energetici verona

Nel suo significato esoterico, il Natale rappresenta il momento del raccoglimento, della meditazione che permette all’ uomo di penetrare nella profondità del suo essere e di trovare le condizioni per la nascita del Bambino, quello interiore.

E da questo raccoglimento nasce il mio augurio di un Gioioso Natale per Te.

 

Gioia nei cuori via tutti i dolori

Leggeri si vola nella Luce che si rinnova

Entra nel gioco e vivi con questo scopo:

mira le stelle sei parte di quelle,

porta quaggiù l’Amore che Sei Tu.

 

Luci nell'Ombra

VOGLIO VIVERE DI SEMPLICITÀ

Voglio vivere di semplicità.

Scelgo di ridere dell’ idea di me stessa, di ciò che mi accade, delle seghe mentali, degli affanni, dei timori, delle assurde convinzioni, dell’ illusoria inquietudine interiore e di tutto, ma proprio tutto ciò che ho validato e reso reale sino a questo momento.

Scelgo di ridere senza motivo perché la risata consapevole mi permette di osservarmi e osservare il mondo con occhi nuovi, con obiettività, con distacco emotivo, per quello che Sono, per quello che E’.

In questo momento di pura magia, posso trovare la Via del Risveglio.

La risata consapevole mi permette di imboccare il sentiero del Risveglio a me Stessa, quella autentica e riscoprirmi pura Gioia.

Con questa nuova consapevolezza, so che posso vivere questa vita terrena con più leggerezza, assaporarne ogni momento, sorprendermi e meravigliarmi di me stessa e del mondo.

Posso giocare la vita e smetterla di identificarmi nel gioco.

Cos’ altro è possibile?

Voglio vivere di semplicità. Nell’ amore e con amore per me stessa.
Rido. Sono viva.

Io Sono.